Open innovator

Archivio per la categoria ‘Comunicazione’

Meeting Joomla Veneto: a Padova Sabato 21 aprile 2013

L’Associazione JoomlaVeneto organizza il primo Meeting JoomlaVeneto, evento regionale dedicato a Joomla!®
L’evento si svolgerà a Padova il 20 aprile 2013 presso il prestigioso Centro Culturale Altinate/San Gaetano in Via Altinate, 71 nel centro storico della città.

Joomla!® il pluripremiato CMS Open Source utilizzato in tutto il mondo per la creazione di siti web dinamici sarà il protagonista di questo evento.
Nei vari interventi previsti nell’arco della giornata si potranno apprezzare la semplicità, la versatilità e la potenza di questo strumento.

L’evento si rivolge ad un pubblico di commercianti, artigiani, imprenditori, enti pubblici ed associazioni, ma anche di semplici appassionati che vogliono realizzare un sito web moderno ed interattivo.

La scaletta degli interventi della giornata prevede anche due miei interventicome relatore in qualità di responsabile marketing 2GIS

Michele Moro marketing manager 2GIS spa - speech al Meeting Joomla Veneto - sabato 20 aprile 2013

Il primo mio intervento – in programma al mattino alle 10.50 – andrà a esporre cos’è il prodotto 2GIS, l’utilità per l’utente e per le aziende, cercando di esporre in modo sintetico la storia della società sia in Italia che all’estero.

Il secondo intervento – in programma al pomeriggio alle 16.20 – si focalizzerà sull’utilità per gli sviluppatori Joomla e sulle possibili collaborazione, oltre che esporre alcune posizioni lavorative aperte presso gli uffici italiani con sede a Padova.

Dove si svolge.

Il Centro Culturale Altinate/San Gaetano nasce in seguito alla ristrutturazione dell’ex Tribunale di Padova.
Il complesso che misura 12.000 mq è strutturato in cinque livelli ed è ora un importante centro d’arte e cultura adibito ad esposizioni, spettacoli e mostre oltre che ad ospitare il Progetto Giovani ed una moderna biblioteca.

Al piano terra un antico chiostro è divenuto una bellissima piazza coperta, destinata a grandi eventi e spettacoli.
Nel piano interrato si trova la sala polivalente con 234 posti a sedere dove avrà luogo il Meeting JoomlaVeneto.

Iscrizioni

L’iscrizione dà diritto a ricevere il welcome-pack di benvenuto, il materiale illustrativo e la riduzione per il pranzo.
La capienza della sala è di 234 posti a sedere, non è previsto il servizio guardaroba.

Chi intende partecipare all’evento sia al mattino che al pomeriggio è pregato di iscriversi ad entrambe le sessioni.
Per iscriversi selezionare ” 1 ” nella colonna “Quantità” in corrispondenza del mattino, del pomeriggio o di entrambi.

Potete iscrivervi direttamente dal sito ufficiale dell’evento Meeting Joomla Veneto.

Annunci

2GIS THE CITY EXPERT: intervista a Michele Moro al TG di Televenezia

La cosa che mi affascina delle TV è che da una finestra puoi parlare al mondo.

20130205-154343.jpg

La comunicazione di massa ci ha cambiato la vita, ma oggi oltre a saper comunicare con il grande pubblico si deve apprendere la capacità di saper ascoltare il feedback del proprio audience.

“La tecnologia non ti salva ma ti semplifica la vita”.
Michele Moro, marketing manager 2GIS THE CITY EXPERT, intervistato al TG serale di TELEVENEZIA ci racconta come la tecnologia ci aiuta a risolvere i problemi di ogni giorno.

Stasera all’interno del TG serale di TELEVENEZIA delle 19.00 ed in replica alle ore 20.30 – 23.00 e domani alle 6.30 e 7.30

Canale 44, LCN 71 e 191 del digitale terrestre
Online da domani su www.televenezia.it/it/ultimo-tg

Si parla di sistemi informativi geografici, imprese estere che investono e assumono in Veneto e di come le PMI possono essere aiutate a sbarcare sul mercato Russo.

Si parlerà anche delle novità del programma 2GIS – THE CITY EXPERT. A febbraio una bella novità: la geolocalizzazione degli eventi. Il primo evento inserito è il Carnevale di Venezia 2013 con tutti i suoi eventi più cool geolocalizzati sulle innovative mappe 3D.


prova 2GIS THE CITY EXPERT
dal Portale online www.maps.2GIS.it
scaricando la versione PC da www.2GIS.it
o scarica l’App 2GIS dall’Apple Store o d Google Play

2GIS: Venezia e Padova in tasca.

20130205-205815.jpg

7Gold – Approfondimenti: “Mamma li Russi”

La Russia, come il resto del mondo vive una fase di dinamismo, di riadattamento. La classe media in Russia sta crescendo velocemente e il reddito pro-capite di 30-35 milioni di Russi si sta avvicinando a quello dei paesi europei.

Le opportunità sono molte per le aziende italiane: esportare in Russia prodotti non coperti dalla produzione locale (che riesce a coprire non più del 50% del fabbisogno), investire in quel paese ora che la Federazione Russa è entrata nel WTO, intercettare il nuovo turismo russo che si aggiunge al turismo di lusso che si è visto in questi anni nel nostro paese.

Ospite della trasmissione Approfondimenti di 7Gold, approfondisco questi temi con il conduttore Fabrizio Stelluto, esponendo tutti i vantaggi per le aziende e i cittadini di Padova e Venezia nell’uso di 2GIS THE CITY EXPERT, l’innovativo programma per trovare tutto ciò che si cerca in città e per darsi visibilità nel mercato locale e russo.

Mamma li Russi- Michele Moro intervistato a 7Gold alla trasmissione Approfondimenti 16.1.2013

Se il filmato non parte cliccando sulla foto clicca qui o vai a http://asterisconet.it/news.php?n=12142

Marketing non convenzionale ed effetto virale: un sorriso per aprire il dialogo.

Cosa attira la nostra attenzione in un mondo sovraccarico di stimoli esterni? Sicuramente ciò che è divertente, nuovo, bizzarro, irriverente, ciò che è in grado di emozionarci.

Ma che cosa ci spinge poi a voler condividere le nostre emozioni con gli atri creando un effetto virale attorno ciò che abbiamo visto o provato?

Proprio l’aspetto relazionale.

Viviamo inseriti in una rete sociale formata da familiari, amici, conoscenti con cui condividiamo la nostra vita. Il condividere le nostre esperienze ed emozioni o fatti divertenti o curiosi fa si che le nostre relazioni si rafforzino.

Il riconoscimento che i nostri amici e conoscenti danno alla nostro dono di condivisione è compenso della nostra attenzione.

Perché creare una campagna virale.

Gli obiettivi che si possono raggiungere sono molteplici:

  • creare passaparola attorno al lancio di un prodotto generando brand awareness
  • Indirizzare il traffico verso il vostro sito o spingere ad un’azione, come per esempio la prova di un programma o l’acquisto di un prodotto.
  • Spingere le persone ad interagire con il vostro brand scoprendo qualcosa di più del vostro audience.

Ma perché una storia diventa virale?

Cosa le permette di generare empatia e condivisione spontanea?

Basta l’esposizione a un messaggio divertente?

No. Serve una storia che valga la pena di essere raccontata.

Serve dare risposta a domande fondamentali:

  • chi condividerà la mia storia?
  • Con chi sarà condivisa?
  • E sopratutto perché una persona dovrebbe condividerà?

Senza una risposta chiara a queste domande vi sono buone probabilità che le vostre speranze virali rimangano sulla carta.

Così un segway, un mezzo strano ed innovativo attira la nostra attenzione, come una bella ragazza magari particolarmente alta, o una persona vestita in modo strano. Tutto insieme diventa una miscela esplosiva che attira la nostra attenzione, ci fa sorridere e ci ben predispone al dialogo.

2GIS, società russa che sta lanciando il suo innovativo indirizzario elettronico con una bella mappa cartografica della città ha pensato che il modo più simpatico di iniziare a dialogare con il proprio pubblico ed i propri utenti fosse proprio questo.

Scelta azzeccata visto il successo riscosso dall’iniziativa. In tempi economici difficili un sorriso è il regalo più bello sul quale instaurare una relazione. Se poi si pubblicizza un prodotto grauito ed utile per tutti non si può che risultare simpatici.

Cronaca e news sul terremoto in Emilia.

Si può prevedere un terremoto?
Si può pensare di definire in anticipo un sisma come quello di questa notte 20/5/2012? Un terremoto di tale forza in modo da avvisare le popolazioni?

Quella del 20 maggio 2012 è una data ciclica nel calendario Maya, anche perchè è il giorno in cui si stanno allineando le Pleiadi, il Sole e la Terra. Un allineamento, così come l’eclissi di oggi, che riuscirono a prevedere molto tempo fa con grandissima precisione.

Nostradamus molto secoli dopo, aveva previsto un forte terremoto in questa data: “giorno 20 del Toro il suolo tremerà così forte, che aria, terra e cielo si oscureranno e i serpenti infedeli verranno sopraffatti da Dio. Grandi e improvvise inondazioni non permetteranno di trovare luoghi o terre sulle quali rifugiarsi, perchè l’onda raggiungerà il Fesulano olimpico“.

Il 9 agosto 2005 ad Oxfordshire un misterioso cerchio nel grano apparse misteriosamente mostrando chiaramente come si sarebbe presentato il cielo proprio oggi, 20 maggio 2012, con un’eclissi anulare di Sole e l’allineamento celeste.
20120520-223711.jpg
Ma sono solo suggestioni e nessuno può provare scientificamente queste profezie o la possibilità di anticipare di anni un evento catastrofico come quello di oggi.

Vediamo il susseguirsi degli eventi:

Ore 4.03 – Forte scossa di terremoto a nord di Bologna. Paura tra la popolazione e fuggi fuggi di gente per strada.

Il terremoto, di grado 5,9 della scala Richter è stato avvertito anche in altre regioni: oltre che in Emilia Romagna, la scossa è stata percepita distintamente anche in Toscana, Veneto, Lombardia, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia.

Ecco cosa rileva il sismografo di Capannori a Lucca
20120520-125852.jpg

Il sisma ha avuto inizio alle 23.13 di sabato con epicentro tra il ferrarese e il modenese, a una profondità di 6,2 chilometri.
Ma la vera scossa, quelle di 5,9 gradi, poco diversa da quella del terremoto dell’Aquila, è stata quella delle 4.03 di domenica.

La scala Richter riporta infatti:

Magnitudo 5.0-5.9. Moderato. Può causare gravi danni strutturali agli edifici costruiti male in zone circoscritte. Danni minori agli edifici costruiti con moderni criteri antisismici.

Magnitudo 6.0-6.9. Forte. Può avere un raggio di azione di 160 chilometri dove può essere distruttivo se la zona è densamente popolata.
Forte scossa con profondità di circa 10 chilometri avvertita nella zona tra Mantova, Rovigo e Modena, sentita soprattutto a Faenza.

Aggiornamento Ore 5.15
In provincia di Ferrara sono crollate alcune fabbriche e ci dovrebbero essere persone coinvolte. Crollato anche un campanile a Sant’Agostino nel ferrarese. Anche il campanile di una chiesa di Finale Emilia avrebbe riportato gravi danni.

La Protezione civile è stata prontamente attivata sia per verificare i danni sia per tranquillizzare la popolazione scesa in strada nelle zone coinvolte.

Nella cartina l’epicentro della scossa.

20120520-055054.jpg

Aggiornamento delle 6.00
Il terremoto ha causato gravi danni e vittime nel Modenese e nel Ferrarese.

Aggiornamento ore 6.45
La notte di paura si è avuta anche nel Ravennate. Qui nessuna vittima accertata per ora e danni meno ingenti. Nel carcere di Ravenna è caduto un cornicione.

Aggiornamento delle 8.45
Ecco le prime immagini dei danni causati dal terremoto da La Stampa.

20120520-113336.jpg

Capo della Protezione civile Franco Gabrielli è giunto in zona parlando di “danni importanti, seri e diffusi sul territorio. In questo momento la priorità è per le persone che non possono rientrare nelle loro case”.

Aggiornamento delle 11.02
Il terremoto conta purtroppo anche diverse vittime. Ad ora sono sei. Una donna di 37 anni è morta a San Pietro in Casale.
E’ accertato che i danni nella Provincia di Bologna in particolare a San Giovanni in Persiceto sono notevoli.

Aggiornamento dalle 11.20 – Altra importante scossa
Un’altra scossa di terremoto di magnitudo 4,7 della cala Richter dopo quelle nella notte che hanno colpito il Nord Italia. Anche questa volta, l’epicentro è a 10 kk di profondità sotto la superficie terrestre, a Camposanto sul Panaro, paese a 7 km. da Modena.

Aggiornamento dalle 12.03
Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, conosciuta la notizia stamattina si è espresso dicendo ”la drammatica notizia dell’evento sismico che questa notte ha interessato, con gravi effetti e un doloroso bilancio di vite umane, alcune province emiliane e altre limitrofe. Il Capo dello Stato -ha chiesto ai Prefetti di esprimere la propria solidarietà alle comunità coinvolte e la sua commossa partecipazione al dolore delle famiglie delle vittime, rappresentando al tempo stesso il suo vivo apprezzamento a coloro che sono impegnati sul territorio nelle operazioni di soccorso e nella gestione dell’emergenza”.

Aggiornamento delle 12.35
Nuova importante scossa, situata nelle vicinanze di quella registrata alle 11.13 del mattino, di 4,5 gradi.

Aggiornamento 14.28 – foto dalle zone colpite dal terremoto
Ecco le prime foto ufficiali del terremoto.

20120520-143131.jpg
Macerie a Finale Emilia, Modena (ANSA/ELISABETTA BARACCHI)

20120520-143709.jpg
I danni provocati dalle scosse di terremoto a Finale Emilia in provincia di Modena 20 Maggio 2012.ANSA/ELISABETTA BARACCHI

20120520-144736.jpg
I danni provocati dalle scosse di terremoto a Finale Emilia in provincia di Modena 20 Maggio 2012.ANSA/ELISABETTA BARACCHI
20120520-164905.jpg

Aggiornamento ore 15.00
4 i deceduti a sant’Agostino.
Decine gli edifici crollati. Il comune sull’orlo del crollo.
Continuano le piccole scosse di assestamento.

;

A Bondeno nel ferrarese c’è stata una vittima. Un operaio magrebino schiacciato dal crollo di una fabbrica. Recuperato il corpo. Pochi i danni agli edifici.

Aggiornamento ore 15.22
Il Comune di Finale Emilia nel Modenese è stato pesantemente colpito dal terremoto avvenuto stanotte tra Bologna, Modena e Ferrara. Evacuato l’ospedale civile a causa di lievi danni strutturali. I pazienti, una trantina di persone, saranno trasportate nei nosocomi di Modena e Carpi.

Il Comune di Finale Emilia è parzialmente crollato ed è stato dichiarato inagibile.
Danneggiati anche alcuni palazzi del centro storico. Nel paese sono crollati la Torre Modenese e quella del Duomo. Evacuate anche 15 persone per il crollo di due abitazioni in via Miari e via Frassone. I residenti sono stati tratti in salvo dai carabinieri e dai vigili del fuoco.

Aggiornamento ore 15.25
Sentita una nuova scossa di terremoto allo stadio di Modena durante la partita di serie B del Sassuolo e allo stadio di Brescia. (fonte diretta SKY).
La nuova scossa di terremoto di forte intensità, a soli 4,7 chilometri di profondità, è stata avvertita nelle zone terremotate dell’Emilia Romagna.

A Sant’Agostino è crollata un’altra parte del municipio. Il sisma, durato diversi secondi, è stato avvertito anche a Bologna e nel rodigino. Danni anche alla chiesa di Buonacompra, già distrutta dal sisma delle 4 di questa notte.

L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Galliera, Bondeno, Mirabello, Poggio Renatico e Vigarano Mainarda.

Aggiornamento delle 16.30
Il bilancio attuale è di 6 morti (4 operai e due donne), 50 feriti e 3.000 sfollati.
Nei crolli dovuti alla scossa di questo pomeriggio di 5,1 gradi è rimasto gravemente un vigile del fuoco.

20120520-172525.jpg

20120520-164341.jpg
Chiesa di Mirabello

Aggiornamento ore 17.00
Nel ferrarese in diversi paesi il sindaco consiglia di non dormire nelle case.
In diversi paesi si è sollevato l’asfalto e vi è rischio di fughe di gas.
Non sono previsti rimborsi statali da parte dello stato per le case private (fonte SKY TG 24)

Ore 18.55 – gli aggiornamenti proseguiranno direttamente dalla zone terremotate. Mi sto recando li.

A Modena sono stati allestiti centri di accoglienza per 2.000 persone.

20120520-185906.jpg

20120520-185939.jpg

20120520-190001.jpg

Aggiornamento ore 22.16
Domani scuole chiuse nel ferrarese e mantovano a causa del sisma.

Martedì il presidente Monti, rientrato in anticipo, deciderà lo stato di calamità per le zone colpite.

Sono circa tremila, secondo le stime della Protezione civile, gli sfollati nei territori dell’Emilia-Romagna colpiti dal terremoto.

20120520-222555.jpg

Aggiornamento ore 1.10
Sant’Agostino, Ferrara. Il paese è deserto. La piazza recintata. I camioncini delle tv attendono con le telecamere puntate verso il municipio, che come un vecchio anziano colpito da una malattia terminale improvvisa attende la fine. Si regge in piedi orgoglioso ma il suo destino è segnato. La chiesa lo guarda silenziosa. Come il dolore che abita queste case scosse dalla paura. Una preghiera silenziosa nella notte.

michele moro open-innovator.net terremoto maggio 2012 ferrara comune di Sant'agostino troupe sky

michele moro open-innovator.net terremoto maggio 2012 ferrara Comune di Sant'Agostino

Ore 1.44
Mirabello, Ferrara. La strada centrale è silenziosa. Qualche luce qua e là tradisce persone ancora sveglie nelle case. In piazza incontro Mara. Mi ferma. Ha voglia di parlare. Vuole raccontarmi dei suoi genitori che hanno paura di dormire in casa e che preferiscono l’auto in questa notte piovosa. Mi racconta del letto che si muoveva come quello dell’esorcista. Di come i cassetti si aprivano e le ante degli armadi sbattevano. Ma anche di come il paese ha reagito bene, con dignità. Di come la protezione civile è intervenuta prontamente. La chiesa però non c’è più, come il cuore di questo paese. La ragazza è scossa. Ma la gente di qui è abituata alle difficoltà, alle fatiche. Si ricostruirà.

terremoto maggio 2012 chiesa di mirabello michele moro open-innovator.net

Aggiornamento delle 2.00 – 21/5

Andando verso Ferrara incrocio una lunga carovana di mezzi della protezione civile in direzione di Mirabello. Saranno circa 50. Cucine da campo, auto mediche, mezzi vari. Li saluto. L’Italia c’è.

22/5/2012
Il Consiglio dei ministri ha dichiarato lo stato di emergenza per le province di Bologna, Modena, Ferrara e Mantova.

A oggi sono circa 5.300 gli sfollati del sisma dell’Emilia assistiti nelle strutture comunali, nei centri di accoglienza allestiti dalle colonne mobili e negli alberghi.
Circa 3.200 nel modenese, 1.600 nel ferrarese, 350 in provincia di Bologna e 200 in quella di Mantova. Lo fa sapere il Dipartimento della Protezione civile che fornisce il quadro degli interventi in atto.

Centri operativi per la gestione dell’emergenza:
un Centro di coordinamento soccorsi a Ferrara e Centri operativi comunali a Bondeno, Cento, Ferrara, Mirabello, Poggio Renatico, Sant’Agostino, Vigarano Mainarda; un Centro di coordinamento Soccorsi a Modena e Centri operativi comunali a Bonporto, Carpi, Camposanto, Cavezzo, Concordia, Finale Emilia, Mendolla, Mirandola, Novi di Modena, S. Felice sul Panaro, Soliera, San Possidonio, San Prospero e Modena; un Centro di coordinamento Soccorsi a Bologna. Inoltre, in Lombardia, sono stati istituiti un Centro di coordinamento soccorsi a Mantova e il Centro operativo comunale a Moglia.

15 buone ragioni per cui scrivere un libro

Scrivere un libro… il sogno nel cassetto di molte persone.
Un progetto che troppe volte rimane chiuso in quel cassetto, ma che potrebbe incrementare di molto il vostro business.

20120424-222612.jpg
Riflettevo sul perché dovreste o dovrei mettere su carta quelle parole e farle diventare qualcosa di stampabile, se non cartaceamente almeno digitalmente e raggiungere questo importante obiettivo.

1. Scrivere un libro vi rende istantaneamente un’autorità nel vostro campo, fatto che apre un ampio ventaglio di opportunità..

2. I libri impressionano i clienti. Consegnane una copia al vostro potenziale cliente.

3. Un libro è un ottimo omaggio agli eventi.

4. Un libro può permettervi di avere un contatto con contatti difficilmente raggiungibili. Provate a inviarne una copia omaggio al manager con il quale avete difficoltà a parlare e vedete che succede.

5. Gli autori sono come magneti per i media:, radio e televisione amano intervistarli.

6. Con un libro puoi raccontare la storia a modo tuo.

7. Se aspiri a diventare uno speaker professionista un libro ti darà molte possibilità di parlare in pubblico.

8. La versione elettronica del tuo libro, gli ebook, ti permettono di raggiungere un pubblico molto ampio con un basso costo di promozione e distribuzione.

9. Un estratto del tuo libro può essere pubblicato sul tuo blog o su servizi di pubblicazione online come slideshare.

10. Gli autori possono guadagnare anche da eventuali sponsorizzazioni o per eventuali articoli o post come freelance.

11. Gli autori si supportano vicendevolmente. Il tuo libro è un’opportunità per conoscere e connetterti ad altri autori nel tuo campo.

12. Gli autori possono spesso incrementare la propria tariffa professionale vista l’aumentata credibilità che arriva con un libro.

13. Tuo figlio penserà, in futuro, che suo padre è proprio figo!

14. Vedere pubblicato il tuo libro può essere una delle più belle soddisfazioni della tua vita.

15. Qual è una buona ragione per non farlo? La paura di non farcela? Che non piaccia? E questo basta a tenere nel cassetto un sogno?

Apriamo i nostri cassetti e rendiamo realtà i progetti ed i sogni.

Ne vale la pena.

Perché inserire un traduttore sul tuo sito o blog

Qualche giorno fa riflettevo su questa cifre italiana:

Se analizziamo quante persone parlano complessivamente l’italiano sia in Italia che all’estero otteniamo un numero un po’ più grande:  97 milioni e 600mila.

Ma qual è invece la popolazione complessiva mondiale oggi 19 aprile 2012 alle 19? Presto detto:

Bhe, che dire? Se dovessi parlare in termini di marketing, direi che c’è “un discreto” mercato in più e che mi sto perdendo qualche opportunità. Chissà se fra tutta questa gente, che parla ben 6.700 lingue,  non ci saia qualcuno interessato a leggere anche qualche mio post?

In fondo sono io stesso che limito i miei lettori all’1,6% dei potenziali lettori mondiali. Così ho deciso un po’ per gioco un po’ per curiosità (magari anche un po’ per vanità) di inserire un traduttore multilingua nel mio blog e in fondo a qualche mio post.

Risultato dopo qualche giorno? Record di accessi di sempre dopo due giorni, ed una bella mappa che comincia a colorarsi di mondi e culture diverse.

Sicuramente la traduzione non sarà delle migliori, visto che è un servizio automatico, ma i lettori indonesiani o indiani spero avranno la bontà di accettare i limiti ed apprezzare lo sforzo.

E voi ci avete mai pensato?

Sapete come fare?

 

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: