Open innovator

Archivio per la categoria ‘Crescita personale’

La perseveranza: la via per la crescita

La perseveranza di Thomas Edison è illuminante: “molti fallimenti nella vita sono di persone che non si rendono conto di quanto fossero vicine al successo quando hanno rinunciato”
Bloccate il video al minuto 1′ 30” e fermatevi a riflettere qualche istante…

All’ultima curva l’auto numero 5 era dietro a 3 auto appaiate in testa a pochi metri dal traguardo. Nessuno avrebbe scommesso un euro sulla sua vittoria. E forse neanche lui senza una forte fiducia in se stesso e una grande perseveranza avrebbe creduto di poter vincere. Una grande storia di vita.

La perseveranza fa persistere l’uomo contro le difficoltà. Più della costanza che lotta contro l’urto degli eventi esterni, la perseveranza ci rende forti perché ci fa fare i conti con noi stessi , affrontando le nostre paure ed insicurezze.

Essere perseveranti significa credere nelle proprie possibilità mantenendo l’impegno nel tempo, sia in termini di durata che di intensità. In una parola significa dare il massimo senza mollare!

Con questa dote si possono realizzare cose grandiose come la vittoria di una gara con un finale incredibile!

Quindi se siete più piccoli, più deboli, se siete indietro in una gara, non mollate, perchè al di là della vittoria che potrebbe arridervi, di sicuro con la perseveranza scoprirete e supererete i vostri limiti.

Michele Moro - Perseveranza

Se vostra figlia ha un talento…

Ci sono voci che emozioni… ci sono voci che comunicano… ci sono voci che fanno sognare…

Se un giorno passando per il corridoio sentite vostra figlia cantare, non aprire la porta, ascoltatela in silenzio e decidete di assecondare il suo talento.

I giovani hanno spesso bisogno degli adulti per credere in loro stessi, per coltivare una dote e credere in un sogno di riuscire.

Hanno bisogno di sostegno e consiglio, per poter riuscire. Più di tutto hanno bisogno che li lasciamo provare…

Ascolta l’incredibile voce di questa ragazzina…

talenti dei figli musica voce successo

10 errori da evitare dall’idea al lancio

Alla Ca’ Foscari Digital Week 2013 dopo il mio intervento sul marketing geolocalizzato mi sono fermato ad ascoltare due giovani ragazzi alle prese con il lancio della loro startup.

Carlo Pasqualetto e Jacopo Pertile, due ex studenti Ca’ Foscari condividono la loro esperienza sugli errori da evitare per il lancio di una start- up.

1. Non ubriacarsi con il proprio entusiasmo

20130508-173718.jpg

C’è bisogno di andare sul mercato il prima possibile per capire se l’idea è davvero buona. Solo il 10% delle idee si traduce in un’idea che può produrre business.

2. Condiviso quindi imparo.

20130508-173951.jpg
Dal momento che avete un’idea ci sarà un continuo miglioramento dell’idea grazie alla condivisione dell’idea. Condividetela il più possibile e scrollatevi dell’italica idea, che vi possano fregare l’idea.

3. Diffida dai falsi positivi

20130508-174300.jpg
Diffida da valutare sempre e solo le persone che ti gasano e ti fanno credere che l’idea sia perfett e priva di lati negativi.

4. Meglio dentro che fuori

20130508-174439.jpg
Se pensate di esternalizzare tutto, magari in qualche paese BRIC, abbandonate l’idea. Il core business deve essere vicino a voi e controllabile. Sempre meglio all’interno vicino a voi, proprio perché la vostra idea è in continua evoluzione.

5. Nessuno investe in un solo imprenditore.

20130508-174705.jpg
Bisogna credere nel valore del team. Se siete una sola persona la prima difficoltà vi spezza. Se siete un team la supererete. Go team!

6. Amore a distanza: non ci credo

20130508-174928.jpg
Ogni giorno il team ha mille idee. Implementarle a distanza non è semplice anche con le moderne tecnologie. Cercate di essere territorialmente vicini e di vedervi di persona. Vicini massimizzate le sinergie e siete più agili.

7. Tecnici: istruzioni per l’uso

20130508-175148.jpg
Non perdetevi in una torre d’Avorio nella gestione del rapporto con i tecnici. Non puntiamo a far le cose troppo perfette ritardando magari il lancio sul mercato. Uscite in Beta ma uscite!

8. Cash cash cash

20130508-175444.jpg
La diavoli a la usa chi non Sto arrivando! Fare il fuoco. Non sono i soldi e i finanziatori che fanno fare il successo ma il team giusto ed il prodotto. Se saranno buoni i soldi arriveranno da soli.

9. Cinque WHY

20130508-175636.jpg
Dovete avere la capacità di farvi domande ogni giorno e di condividere le risposte. Non farsi domande è rischioso

10. Un percorso lungo e tortuoso da fare di corsa

20130508-175811.jpg
Lanciare un’azienda è un lavoro complesso e lungo. Non basta l’idea. Per questo va fatto di corsa e con entusiasmo.

Per condividere le esperienze di chi ci sta provando iscriviti al gruppo
Facebook Italian startup 10 mistakes not to Made

La chiave della serenità: uno stile di vita minimalista

Il pensare comune ci insegna che “di più” è meglio. Accumulare denaro è un bene. Avere mille impegni ed interessi positivo.

Ma c’è una visione della vita che in modo antitetico pensa che “meno” = “di più”, che il denaro non è tutto, che avere più tempo per sé stessi e per chi amiamo è un valore.

Che cosa significa portare un po’ di filosofia minimalista nella propria vita?

Significa prima di tutto fermarsi ad analizzare i propri valori fondamentali. Ed analizzarli in profondità.

Da questa analisi riordinare poi l’ordine delle cose e le priorità. Ci accorgeremo che tante cose che pensiamo fondamentali così importanti non lo sono poi tanto.

Troveremo le nostre linee guida, scriveremo riflessioni che ci illumineranno nelle scelte, pietre di paragone che divideranno la strada in due sentieri, ed in sintesi la nostra guida per il cammino.

Io ho scritto…
Vivere secondo i propri valori
Visione: cosa voglio dalla vita
Amore, amicizia, condivisione.
Cercare il bello nella natura
Stare bene a casa propria e sentirsi bene in ogni luogo
Fare le cose con passione
Vedere il bicchiere mezzo pieno
Godere delle piccole cose
Puntare in alto ma sapersi accontentare
Ascolto
Meditazione
Non fare troppe cose contemporaneamente
Evitare il sovraccarico da cose inutili
Semplificare
Non essere attaccato alle cose
“Investire” sulle persone e non sulle cose

Un approccio diverso alla frenesia della vita può regalare più salute, più serenità, più spazio.
Ma bisogna voler cambiare prospettiva.
Prendersi il proprio tempo.

Bisogna saper scegliere: entrare in una stanza, prendere gli oggetti, decidere se servono, usarli o regalarli, tenendo solo ciò che è essenziale, che ha davvero uno scopo.
Chiediamoci: a che cosa serve? Da quanto tempo non la uso. La risposta vi dirà cosa farne.

Dobbiamo provare a fare questo anche con il nostro tempo. Non è questione di Time management, è questione della nostra vita. Non butteremo il tempo in cose secondarie non avremo più tempo per quelle importanti.

Provate a prendere un vaso di vetro. Metteteci un terzo di sabbia. Poi un terzo di ghiaia fine. Poi un po’ di sassi piccoli… Ora provate a mettere i grandi e chiudere il vaso. Come? Non ci stanno?!

Proviamo a fare il contrario.

Prima i sassi grandi, poi i piccoli, poi la ghiaia. Per finire facciamo scorrere la sabbia fra tutti gli altri materiali! Fatto. Ci sta tutto e quasi senza rinunciare a nulla. Di sicuro senza rinunciare a qualcosa di importante!

20120426-215122.jpg
Le persone pensano che vivendo una vita minimalista ci si perde qualcosa. Ma forse non è proprio così.

E per voi cosa significa approccio minimalista alla vita?
Quali valori fondamentali su cui impostare le scelte?

Per favore commentate e condividete su facebook e Twitter ed altri social media per sapere il vostro parere. Grazie e buona giornata.

Venti, rotta… obiettivi.

Michele Moro importanza degli obiettivi

 

Scarica immagine

Michelangelo era solito dire:“Il pericolo maggiore per la maggior parte di noi non è il fatto di avere obiettivi troppo grandi…ma averne di troppo piccoli “.

Non abbiamo paura di fissarci degli obiettivi ambiziosi. Ci indicheranno il cammino e permetteranno di sfruttare i venti, anche quelli meno favorevoli, per avvicinarci alla meta.

C’è infatti una bella differenza tra sapere cosa fare e fare quello che abbiamo capito dover fare.

Gli obiettivi producono azione, generano energia motivazionale. Fissiamoli per iscritto e concentriamoci su di essi eliminando le distrazioni. Diventeranno il carburante necessario per realizzare i nostri sogni.

Abbandona le abitudini negativi, scrivi i tuoi obiettivi e prendi decisioni consapevoli per realizzarli. Vedrai che azioni giuste sulla rotta corretta vedrai il tuo obiettivo avvicinarsi sempre più fino a realizzarsi.

Consigli per aumentare la produttività

Ecco alcuni utili consigli per aumentare la produttività e semplifcare la vita:

1. spegni tutta la tecnologia per 60 minutial giorno e focalizzati sui compiti più importanti.

2. al mattino non guardare per prima cosa le email.

3. inizia la giornata con i compiti più complicati.

4. prenditi del tempo per riposarti (durante la giornata e durante la settimana).

5. impara a dire no.

6.. Pianifica per tempo il tuo week end.

7. Non rispondere al tuo telefono ogni volta che squilla.

8. alzati presto

9. vai a letto presto

10. fai una colazione abbondante e nutriente

11. Mantieni i tuoi abiti puliti.

12. Smetti di guardare la TV o guardala al massimo 1 ora al giorno.

13. Assicurati di pianificare almento una vacanza di almeno 10 giorni consecutivi  all’anno.

14. Impara a proteggere il tuo tempo.  Le interruzioni distruggono la produttività e complicano la vita.

15. Usa l’online banking.

16. Usa Evernote. E’ un incredibile software per incrementare la produttività.

Il vostro nemico numero 1

Qual è il vostro nemico numero 1?

Oggi riflettendo sul piano di marketing mi ponevo questa domanda. Le risposte sembravano scontate: la recessione economica, la concorrenza, le procedure rigide o non corrette…

Poi mi sono detto, NO.

Forse il mio peggior nemico e quello della mi azienda è LA MIA SCRIVANIA. Il restarci inchiodato, (aggrappato a Google) per giorni e giorni a poco a poco mi fa perdere i contatti reali.

 

Si c’è il telefono, le email, IM, Twitter…. ma quanto conta “parlare” ed andare in giro?

Ma quanto vale di più il beneficio di un contatto diretto con i Clienti, i colleghi, i fornitori, in generale il mondo?

SPEGNI QUEL COMPUTER.

Metti via l’iphone!

Mettiti a PARLARE con chiunque, in particolare se NON RIENTRA TRA GLI INTERLOCUTORI ABITUALI.

FAI UN GIRO in azienda, specie nei reparti dove non si va mai.

Rallenta e fermati. Guarda ed ascolta.

PARLA.

Esci dai soliti schemi, dai soliti percorsi, soliti giri, soliti orari.

CREA NUOVI PERCORSI e seguili RANDOM.

Sono sicuro sarà stupefacente CIO’ CHE POTRA’ ACCADERE.

What you see is what you get.

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: