Open innovator

Archivio per la categoria ‘Web Marketing’

Meeting Joomla Veneto: a Padova Sabato 21 aprile 2013

L’Associazione JoomlaVeneto organizza il primo Meeting JoomlaVeneto, evento regionale dedicato a Joomla!®
L’evento si svolgerà a Padova il 20 aprile 2013 presso il prestigioso Centro Culturale Altinate/San Gaetano in Via Altinate, 71 nel centro storico della città.

Joomla!® il pluripremiato CMS Open Source utilizzato in tutto il mondo per la creazione di siti web dinamici sarà il protagonista di questo evento.
Nei vari interventi previsti nell’arco della giornata si potranno apprezzare la semplicità, la versatilità e la potenza di questo strumento.

L’evento si rivolge ad un pubblico di commercianti, artigiani, imprenditori, enti pubblici ed associazioni, ma anche di semplici appassionati che vogliono realizzare un sito web moderno ed interattivo.

La scaletta degli interventi della giornata prevede anche due miei interventicome relatore in qualità di responsabile marketing 2GIS

Michele Moro marketing manager 2GIS spa - speech al Meeting Joomla Veneto - sabato 20 aprile 2013

Il primo mio intervento – in programma al mattino alle 10.50 – andrà a esporre cos’è il prodotto 2GIS, l’utilità per l’utente e per le aziende, cercando di esporre in modo sintetico la storia della società sia in Italia che all’estero.

Il secondo intervento – in programma al pomeriggio alle 16.20 – si focalizzerà sull’utilità per gli sviluppatori Joomla e sulle possibili collaborazione, oltre che esporre alcune posizioni lavorative aperte presso gli uffici italiani con sede a Padova.

Dove si svolge.

Il Centro Culturale Altinate/San Gaetano nasce in seguito alla ristrutturazione dell’ex Tribunale di Padova.
Il complesso che misura 12.000 mq è strutturato in cinque livelli ed è ora un importante centro d’arte e cultura adibito ad esposizioni, spettacoli e mostre oltre che ad ospitare il Progetto Giovani ed una moderna biblioteca.

Al piano terra un antico chiostro è divenuto una bellissima piazza coperta, destinata a grandi eventi e spettacoli.
Nel piano interrato si trova la sala polivalente con 234 posti a sedere dove avrà luogo il Meeting JoomlaVeneto.

Iscrizioni

L’iscrizione dà diritto a ricevere il welcome-pack di benvenuto, il materiale illustrativo e la riduzione per il pranzo.
La capienza della sala è di 234 posti a sedere, non è previsto il servizio guardaroba.

Chi intende partecipare all’evento sia al mattino che al pomeriggio è pregato di iscriversi ad entrambe le sessioni.
Per iscriversi selezionare ” 1 ” nella colonna “Quantità” in corrispondenza del mattino, del pomeriggio o di entrambi.

Potete iscrivervi direttamente dal sito ufficiale dell’evento Meeting Joomla Veneto.

Annunci

2GIS THE CITY EXPERT: intervista a Michele Moro al TG di Televenezia

La cosa che mi affascina delle TV è che da una finestra puoi parlare al mondo.

20130205-154343.jpg

La comunicazione di massa ci ha cambiato la vita, ma oggi oltre a saper comunicare con il grande pubblico si deve apprendere la capacità di saper ascoltare il feedback del proprio audience.

“La tecnologia non ti salva ma ti semplifica la vita”.
Michele Moro, marketing manager 2GIS THE CITY EXPERT, intervistato al TG serale di TELEVENEZIA ci racconta come la tecnologia ci aiuta a risolvere i problemi di ogni giorno.

Stasera all’interno del TG serale di TELEVENEZIA delle 19.00 ed in replica alle ore 20.30 – 23.00 e domani alle 6.30 e 7.30

Canale 44, LCN 71 e 191 del digitale terrestre
Online da domani su www.televenezia.it/it/ultimo-tg

Si parla di sistemi informativi geografici, imprese estere che investono e assumono in Veneto e di come le PMI possono essere aiutate a sbarcare sul mercato Russo.

Si parlerà anche delle novità del programma 2GIS – THE CITY EXPERT. A febbraio una bella novità: la geolocalizzazione degli eventi. Il primo evento inserito è il Carnevale di Venezia 2013 con tutti i suoi eventi più cool geolocalizzati sulle innovative mappe 3D.


prova 2GIS THE CITY EXPERT
dal Portale online www.maps.2GIS.it
scaricando la versione PC da www.2GIS.it
o scarica l’App 2GIS dall’Apple Store o d Google Play

2GIS: Venezia e Padova in tasca.

20130205-205815.jpg

I vantaggi di promuoversi con il buzz

I nuovi strumenti internet per la promozione lasciano il dubbio che siano si strumenti “fighi” ma dai risultati fumosi? Che impatto hanno realmente sulle metriche di quantità?

Facciamo una premessa: bisogna avere un’offerta di reale valore. Un seme interessante da seminare su Internet. Una volta che abbiamo i semini tra i principali strumenti che si possono usare troviamo:

  1. Display-banner
  2. Buzz seeding
  3. Programmi di affiliazione
Per farci un’idea dei costi ci possiamo basare su una case history reale come quella effettuata per la promozione del Fantacalcio della Gazzetta dello Sport.  Il costo medio per contatto per farci un’idea è 78 cent per l’Affiliation, 40 cent per i banner, e 25 cent per il buzz.
Il Buzz risulta quindi essere uno strumento competitivo dal punto di vista del prezzo ed anche dei ritorni, visto che batte in termini di contatti spesso i programmi di affiliazione.
Fondamentalmente il buzz è una conversazione, e quindi ho più margine di raccontare il prodotto o il servizio che un banner. Inoltre quello che io ho scritto rimane anche finita al campagna e quindi ha un tasso di obsolescenza inferiore al banner. Inoltre le conversazioni vanno a posizionarsi anche sui motori di ricerca senza fare articoli autopromozionali. Inoltre l’endorsement sui social media è estremamente positivo perchè sfrutta la fiducia fra le persone.
I costi del buzz è quindi competitivo dal punto di vista economico e genera buoni risultati.
Il segreto di un eccellente mix è fatto dall’utilizzo di più fonti di promozione e da una continuità, con la quale si può fare un raffinamento continuo dato dalle esperienze.
La cosa fondamentale per un buzz di successo rimane avere un valore da consegnare. Perché se il semino che noi mettiamo nel terreno non ha valore, qualsiasi terreno, anche il più buono, non permetterà di germogliare.

Vantaggi di usare i Social Media nel business

Paura.

Spesso si ha paura del nuovo, di quello che non si conosce. Spesso si ha paura di confrontarsi e lasciare che i nostri Clienti parlino liberamente di noi. Ma ormai nel mondo 2.0 già lo fanno e sarebbe limitante non usare le potenzialità ed i vantaggi che le novità di Internet possono offrire alla crescita della nostra attività professionale o alla nostra azienda.

Il panorama è variegato e complesso ma presenta indubbi vantaggi che devono spingerci a superare le paure.

Vediamo insieme i principali vantaggi per cui valutare far diventare sociale la propria attività:

1. Far crescere il proprio Marchio

La presenza  sui Social Media del proprio marchio è  importante sia in termini di visibilità, sia in termini di costruzione della fiducia.  Anche perchè se vi fossero marchi omonimi al vostro prendendo l’account sui Social Network vi impedirebbero di farlo in futuro (risorse utili per verificare velocemente se il nome utente che desideri è libero sono i siti Namechk KnowEm).

Normalmente  le persone hanno bisogno di sentire il nome di un brand o una società minimo 7 volte per diventare abbastanza fiduciosi verso un potenziale acquisto, ed il modo più rapido ed economico per fare branding sono i social media.

2. Interagire con il mercato

Coinvolgere direttamente i potenziali Clienti ed i Clienti in una conversazione costruendo nel tempo un rapporto di fiducia: questo è un risultato vincente per il futuro della tua azienda.

3. Migliorare la visibilità nei Motori di Ricerca

Ai profili creati sui Social Medi, specie su Facebook, LinkedIn e Twitter, viene assegnato un ottimo posizionamento dai motori di ricerca e di conseguenza generare un intenso traffico indiretto verso il tuo sito. Inoltre i principali motori di ricerca indicizzano le informazioni provenienti dalle reti sociali.  Strumenti di bookmarking tipo Digg e Reddit sono in grado di  generare traffico supplementare.

4. Monitoraggio la brand image

I Social Media permettono di comprendere i Clienti attuali e potenziali ascoltando le conversazioni sull’azienda e sui suoi prodotti e servizi. L’ascolto permette di correggere informazioni false o inesatte e cercare di gestire eventuali  commenti negativi prima che entrino nel circuito del passaparola.

5. Vendere di più  e trovare Nuovi Clienti

Eseguire attività sui social media permette di tener informati i tuoi Clienti sui tuoi prodotti,  influenzarne l’utilizzo e stimolare il loro passaparola.

6. Raggiungere  nicchie di mercato

I media sociali permettono di raggiungere insiemi di persone con preferenze e interessi molto specifici e creare strategie basate sulla risoluzione di interessi di nicchie particolari di potenziali Clienti.

 

Utilità di segmentare il traffico e usare landing page differenti

Recentemente mi sono trovato a confrontarmi sul valore dell’utilizzo di landing page differenti in una campagna di marketing online. Da questa discussione è nata la ricerca di una conferma delle mie convinzioni che grazie agli amici esperti online e ai testi che abbondano nella mia libreria (non tutti ancora letti purtroppo) confermano l’importanza di questa buona pratica, specie in fase di testing. In sintesi:

Ma perché è utile usare landing page differenti?

Penso che i vantaggi di diversificare la landing page suddividendo il traffico in ingresso del sito siano principalmente quattro:

1)  riduzione del bounce rateusare contenuti diversi a seconda del canale di provenienza (es. Facebook,  twitter, email,  campagne Adwords sui motori di ricerca) permette di dare landing page con contenuti e user experience diverse a seconda del target;

2) misurabilità dei risultati – questa pratica permette infatti di comprendere  cosa funziona e cosa non funziona;

3) intervento rapido in caso di  criticità (basso conversion rate, budget da ottimizzare), con modifiche che impattano solo su parte del progetto;

4) individuazione dei  paramentri ottimali di comunicazione per aumentare il conversion rate e comprensione dei diversi apporti alla campagna dei canali usati.

La pratica di segmentare il funnel in ingresso ci permette di migliorare la comunicazione nei canali poco produttivi, ed in caso di risultati ancora scadenti di eliminare proprio le fonti dispendiose in termini di risorse ma con scarsi risultati.

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: