Open innovator

Articoli con tag ‘Marketing non convenzionale’

Marketing non convenzionale ed effetto virale: un sorriso per aprire il dialogo.

Cosa attira la nostra attenzione in un mondo sovraccarico di stimoli esterni? Sicuramente ciò che è divertente, nuovo, bizzarro, irriverente, ciò che è in grado di emozionarci.

Ma che cosa ci spinge poi a voler condividere le nostre emozioni con gli atri creando un effetto virale attorno ciò che abbiamo visto o provato?

Proprio l’aspetto relazionale.

Viviamo inseriti in una rete sociale formata da familiari, amici, conoscenti con cui condividiamo la nostra vita. Il condividere le nostre esperienze ed emozioni o fatti divertenti o curiosi fa si che le nostre relazioni si rafforzino.

Il riconoscimento che i nostri amici e conoscenti danno alla nostro dono di condivisione è compenso della nostra attenzione.

Perché creare una campagna virale.

Gli obiettivi che si possono raggiungere sono molteplici:

  • creare passaparola attorno al lancio di un prodotto generando brand awareness
  • Indirizzare il traffico verso il vostro sito o spingere ad un’azione, come per esempio la prova di un programma o l’acquisto di un prodotto.
  • Spingere le persone ad interagire con il vostro brand scoprendo qualcosa di più del vostro audience.

Ma perché una storia diventa virale?

Cosa le permette di generare empatia e condivisione spontanea?

Basta l’esposizione a un messaggio divertente?

No. Serve una storia che valga la pena di essere raccontata.

Serve dare risposta a domande fondamentali:

  • chi condividerà la mia storia?
  • Con chi sarà condivisa?
  • E sopratutto perché una persona dovrebbe condividerà?

Senza una risposta chiara a queste domande vi sono buone probabilità che le vostre speranze virali rimangano sulla carta.

Così un segway, un mezzo strano ed innovativo attira la nostra attenzione, come una bella ragazza magari particolarmente alta, o una persona vestita in modo strano. Tutto insieme diventa una miscela esplosiva che attira la nostra attenzione, ci fa sorridere e ci ben predispone al dialogo.

2GIS, società russa che sta lanciando il suo innovativo indirizzario elettronico con una bella mappa cartografica della città ha pensato che il modo più simpatico di iniziare a dialogare con il proprio pubblico ed i propri utenti fosse proprio questo.

Scelta azzeccata visto il successo riscosso dall’iniziativa. In tempi economici difficili un sorriso è il regalo più bello sul quale instaurare una relazione. Se poi si pubblicizza un prodotto grauito ed utile per tutti non si può che risultare simpatici.

Annunci

Street marketing non convenzionale e video virali: gli ingredienti per il successo

Il marketing non convenzionale, street marketing, guerriglia marketing: il filo dell’attenzione del possibile cliente/utente/consumatore/telespettatore corre ormai anche su nuove metodologie e sistemi di promozione.

Ecco un eclatante esempio di come si possa con uno street spot di qualche minuto ottenere attenzione non solo locale, ma anche nazionale ed internazionale, raggiungendo oltre 15 milioni di visualizzazioni su Youtube!

Una tranquilla piazza di una piccola città del Belgio.
Un grande pulsante rosso al centro della piazza.
Una scritta: premi per aggiungere drammaticità alla tua giornata, che invita i passanti a premere il pulsante.
E poi….

Il lancio del canale TV belga TNT è un esempio riuscito di marketing non convenzionale e marketing virale in rete.

Ma come mai si generano delle dinamiche che fanno diventare virali certi video?
Non esistendo una ricetta magica, si possono analizzare i denominatori comuni che si riscontrano in casi di successo:
1) crea qualcosa che sia unico, originale, che attiri l’attenzione, che veicoli un concept chiaro e innovativo.

2) fare in modo che sia condiviso da persone con una grande rete sociale (hub) o influenzer. Il fatto che blog di tendenza, personaggi più o meno famosi comincino a parlare di un video e lo twittino è un ottimo punto di partenza.

3) la condivisione sui social network, la creazione di community e gruppi sul prodotto.

4) un pizzico di fortuna.

Per fare un video virale serve un concept forte, una bella realizzazione, il supporto da parte di qualche hub sociale, influencer o persona famosa, l’utilizzo dei new media per promuoverlo e un po’ di fortuna, anche se senza l’idea non si va da nessuna parte.

Sto meditando di creare una campagna di street marketing. Avete qualche consiglio o suggerimento?

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: