Open innovator

Archivio per la categoria ‘Management’

Come vendere ogni cosa

Come vendere oggi

Illuminante iconografica sempre utile ma in particolare in tempi di crisi. Pochi utili consigli da tenere a mente in ogni tipo di vendita.

1. Fiducia – prima di tutto ci vuole fiducia nel venditore. QUindi sii credibile e conquistati la fiducia del compratore

2. Ascolto – Lascia parlare il tuo interlocutore la maggior parte del tempo. Ha bisogno di chiederti tante cose, di parlare e di sentirsi ascoltato. Dai risposte sintetiche e pertinenti.

3. Trasparenza – Sii trasparente nelle tue comunicazioni, nel tuo modo di porti e nel tuo modo di vendere i tuoi prodotti. Se ha l’impressione che ci siano cose poco chiare poi perdere molti punti…

4. Studia il mercato – Non credere di poter vendere ghiaccio al polo nord. Ogni prodotto o servizio ha il suo mercato, i suoi andamenti della domanda e i suoi cicli. E’ meglio conoscerli bene.

5. Ottimismo – Certo essere realistici è importante ma ancor più essere ottimisti. In tempi di crisi se ti abbatti sei perduto!

6. Telefona in piedi – Quando stai facendo una telefonata importante falla in piedi. Avrai maggiore energia, positività e questo si sentirà nella tua voce.

7. Follow up – Segui come vanno le cose e chiedi dei feedback. E’ sempre fondamentale tenere il polso della trattativa e del post vendita.

8. Lasciagli il giusto tempo – Le persone hanno bisogno di tempo per decidere. A volte essere troppo pressanti è controproducente, ma non ti dimenticare di far sentire che ci tieni a concludere l’affare e di farti risentire nei tempi e modi più opportuni, meglio se concordati.

9. Analizza – Abbi sempre il trend sotto controllo. Quante vendite negative servono per chiuderne una? Cerca di capire i motivi ed impegnati a migliorare il tasso di chiusura.

10 errori da evitare dall’idea al lancio

Alla Ca’ Foscari Digital Week 2013 dopo il mio intervento sul marketing geolocalizzato mi sono fermato ad ascoltare due giovani ragazzi alle prese con il lancio della loro startup.

Carlo Pasqualetto e Jacopo Pertile, due ex studenti Ca’ Foscari condividono la loro esperienza sugli errori da evitare per il lancio di una start- up.

1. Non ubriacarsi con il proprio entusiasmo

20130508-173718.jpg

C’è bisogno di andare sul mercato il prima possibile per capire se l’idea è davvero buona. Solo il 10% delle idee si traduce in un’idea che può produrre business.

2. Condiviso quindi imparo.

20130508-173951.jpg
Dal momento che avete un’idea ci sarà un continuo miglioramento dell’idea grazie alla condivisione dell’idea. Condividetela il più possibile e scrollatevi dell’italica idea, che vi possano fregare l’idea.

3. Diffida dai falsi positivi

20130508-174300.jpg
Diffida da valutare sempre e solo le persone che ti gasano e ti fanno credere che l’idea sia perfett e priva di lati negativi.

4. Meglio dentro che fuori

20130508-174439.jpg
Se pensate di esternalizzare tutto, magari in qualche paese BRIC, abbandonate l’idea. Il core business deve essere vicino a voi e controllabile. Sempre meglio all’interno vicino a voi, proprio perché la vostra idea è in continua evoluzione.

5. Nessuno investe in un solo imprenditore.

20130508-174705.jpg
Bisogna credere nel valore del team. Se siete una sola persona la prima difficoltà vi spezza. Se siete un team la supererete. Go team!

6. Amore a distanza: non ci credo

20130508-174928.jpg
Ogni giorno il team ha mille idee. Implementarle a distanza non è semplice anche con le moderne tecnologie. Cercate di essere territorialmente vicini e di vedervi di persona. Vicini massimizzate le sinergie e siete più agili.

7. Tecnici: istruzioni per l’uso

20130508-175148.jpg
Non perdetevi in una torre d’Avorio nella gestione del rapporto con i tecnici. Non puntiamo a far le cose troppo perfette ritardando magari il lancio sul mercato. Uscite in Beta ma uscite!

8. Cash cash cash

20130508-175444.jpg
La diavoli a la usa chi non Sto arrivando! Fare il fuoco. Non sono i soldi e i finanziatori che fanno fare il successo ma il team giusto ed il prodotto. Se saranno buoni i soldi arriveranno da soli.

9. Cinque WHY

20130508-175636.jpg
Dovete avere la capacità di farvi domande ogni giorno e di condividere le risposte. Non farsi domande è rischioso

10. Un percorso lungo e tortuoso da fare di corsa

20130508-175811.jpg
Lanciare un’azienda è un lavoro complesso e lungo. Non basta l’idea. Per questo va fatto di corsa e con entusiasmo.

Per condividere le esperienze di chi ci sta provando iscriviti al gruppo
Facebook Italian startup 10 mistakes not to Made

Consigli per aumentare la produttività

Ecco alcuni utili consigli per aumentare la produttività e semplifcare la vita:

1. spegni tutta la tecnologia per 60 minutial giorno e focalizzati sui compiti più importanti.

2. al mattino non guardare per prima cosa le email.

3. inizia la giornata con i compiti più complicati.

4. prenditi del tempo per riposarti (durante la giornata e durante la settimana).

5. impara a dire no.

6.. Pianifica per tempo il tuo week end.

7. Non rispondere al tuo telefono ogni volta che squilla.

8. alzati presto

9. vai a letto presto

10. fai una colazione abbondante e nutriente

11. Mantieni i tuoi abiti puliti.

12. Smetti di guardare la TV o guardala al massimo 1 ora al giorno.

13. Assicurati di pianificare almento una vacanza di almeno 10 giorni consecutivi  all’anno.

14. Impara a proteggere il tuo tempo.  Le interruzioni distruggono la produttività e complicano la vita.

15. Usa l’online banking.

16. Usa Evernote. E’ un incredibile software per incrementare la produttività.

10 consigli per evitare di procrastinare

Procrastinare stabilmente le cose non è “pigrizia” ma è un modo per evitare di confrontarsi con le proprie insicurezze e limiti. Ci possono essere svariati motivi per cui procrastiniamo di fare le cose – spesso che non ci piacciono – e tante ragioni per giustificarci. Ecco quindi 10 utili suggerimenti per fare “qui ed ora” quello che dovremmo fare.

1. Allenate la vostra volontà
La forza di volontà come un muscolo si atrofizza ed indebolisce se non la usiamo. Ogni volta che rimandiamo un compito difficile o sgradevole, la nostra tendenza alla procrastinazione si rafforza e sarà sempre più arduo vincere la tendenza a rimandare. Ma il lato positivo è che vale anche il contrario, cioè ogni volta che facciamo quello nei termini stabiliti ciò che dobbiamo, la nostra forza di volontà aumenta.

2. Fai le cose per gradi
Non mettiamoci intesta di cambiare tutto ed improvvisamente. Sopratutto all’inizio meglio concentrarsi solo pochi obiettivi, meglio se all’inizio semplici e definiti. Accontentiamo ci di iniziare con poco e quando l’abitudine ad affrontare subito le questioni diventerà un’abitudine potremo aumentare gradualmente le sfide.

3. Non rimandare al momento ideale e all’umore giusto
Se aspettiamo il momento ideale, quello in cui abbiamo davvero voglia potrebbe passare davvero molto tempo. Fai le cose anche se non ne hai voglia, ed anzi fai prima le cose che non ti piacciono. Poi non ci penserai più.

4. Associa un compito sgradevole con uno piacevole.
Se ti pesa andare a correre ma ami la musica, vai a correre con un lettore di musica che ti rallegri mentre fai la cosa che un po’ ti pesa.

5. Fatti aiutare
Fare le cose insieme a qualcuno, specie se un amico rigoroso ed abituato ad agire, è un ottimo metodo per abituarsi a non procrastinare.

6. Pensa sempre: “ce la farò!”
Combatti dubbi ed ansie sulla possibilità di farcelo con un continuo lavoro di automotivazione e rafforzamento della tua autostima. Non lasciarti andare a brutti pensieri e pensa sempre positivo.

7. Fai le attività noiose e ripetitive sempre alla stessa ora
L’abitudine ci fa apparire meno noiose e brutte le attività che non amiamo se pian piano ci abituiamo a farle sempre nello stesso momento del giorno o della settimana. Ci abituiamo facilmente anche alle cose meno belle.

8. Ricordati cosa avverrà una volta finito i compiti gravosi
Ripetiti frasi rassicuranti tipo “prima finisco prima farò ciò che amo”. In questo modo non ti concentri sulle emozioni negative dell’iniziare o fare un compito spiacevole ma sulle sensazioni positive che verranno dopo.

9. Capisci chi sei e cosa vuoi

Molti persone abituate a procrastinare non prendono delle decisioni e non si impegnano in qualcosa, perché non hanno ancora capito chi sono e cosa vogliono dalla vita. Non si sentono pronti ad affrontare scelte impegnative e vivono una vita passiva nell’attesa di capire la loro ” vocazione”. E’importante capire che solo mettendosi alla prova, facendo esperienze , impegnandosi in qualcosa si capira davvero il proprio percorso.

10. Premiati.
Ogni volta raggiungi un obiettivo, anche piccolo, datti la giusta soddisfazione premiandoti. Hai fatto il compito spiacevole che rimandavi? Ora premiati con qualcosa che ti piace fare!

E voi quali cose procrastinare di più?

Quali tecniche usate per non procrastinare?

Come guadagnare con Internet: i suoi mercati e la catena del valore

Internet nel 2010 ha superato a livello globale  1,8 miliardi di utenti: aziende, professionisti e consumatori utilizzano la rete in un numero crescente e variegato di modi. Di conseguenza anche un numero crescente di transazioni commerciali avviene ormai in rete.

Il fatturato mondiale dell’ecosistema web ha superato i 1.400 miliardi di euro, di cui 62% nel mercato business to business, ed il restante 38% nel mercato consumer (Fonte A.T. Kerney).

L’ecosistema web ha sviluppato nel tempo una catena del valore complessa. Ritengo utile per ogni imprenditore ICT aver ben chiara la “value chain” per effettuare  scelte strategiche consapevoli.

 

Il web può essere suddiviso in 5 grandi mercati collegati nella catena del valore:

1. Accesso e connettività

E’ il mercato che include gli operatori di telecomunicazione (Telecom Italia, operatori alternativi cioè i c.d.  OLO – Other Licensed Operators, ISP cioè gli Internet Service Provider) che forniscono servizi di accesso e di trasporto.

2. Interfacce utente

E’ il mercato che fornisce i terminali d’accesso (PC, tablet, smartphone, …) e i relativi software.

3. Tecnologie abilitanti

E’ il mercato dei fornitori di tecnologie  per la fruizione di servizi e contenuti quali sistemi di pagamento, sistemi di fatturazione (billing) e sistemi per servizi pubblicitari (p.e. Adwords).

4. Contenuti e diritti

E’ il mercato dei produttori di contenuti multimediali, sia coperti da copyright che UGC (User Generated Content, cioè contenuti prodotti dagli stessi utenti).

5. Servizi Online

Comprende i servizi di B2C e B2B, i servizi di ricerca (motori di ricerca come google o Bing), di comunicazione (come Skype), Community (come Facebook o LinkedIn), di contenuti verticali, di entertainment (giochi e tempo libero come Playstation di Sony).

 

Numeri e tendenze del mercato consumer

La catena del valore è assai frammentata in termini di numero di operatori presenti sul mercato.

Fanno eccezione i segmenti dei Sistemi operativi per computer (dove Microsoft la fa da padrone), quello dei motori di ricerca (Google è leader incontrastato), smartphone (Apple e Blackberry), console giochi (Sony con la sua Playstation, Microsoft con Xbox e Nintendo con Wii), musica (Apple con iTunes) e video (YouTube) dove i primi 3 player hanno (altro…)

Strategie di vendita: ottenere risultati dalle visite “a freddo”

Le visite porta a porta,, comunemente chiamate “di sfondamento” e le chiamate “a freddo” sono un metodo di vendita e di lead generation che riscuote ancora un discreto interesse fra professionisti delle vendite,  ma che di fatto è un sistema poco evoluto, scarsamente remunerativo e frustrante per il venditore. Entrambe queste attività portano nel tempo ad riduzione dell’efficacia legata anche ad un calo della motivazione, e a livello aziendale sono causa di un elevato turnover del personale di vendita.

Questo tipo di visita in realtà solo raramente ed in particolari settori dovrebbe essere usata per una tentata vendita; nella maggior parte dei casi dovrebbe essere realizzata solo con un obiettivo chiaro di  ottenere informazioni di base del potenziale Cliente.

Un processo di lead generation più efficace per il venditore è legato ad un diverso approccio:

1. registra un dominio personale (meglio di 2° livello tipo http://www.nomecognome.it)  e crea  una pagina Web che riassuma:

  • Chi sei
  • Presenti in breve l’azienda
  • Spieghi la tua Filosofia di vendita ed etica di lavoro
  • Esponga i vantaggi e benefici per i potenziali Clienti
  • Evidenzi cosa differenzia la tua offerta dalle altre

2. Effettua visite o telefonate a freddo cercando di ottenere il nome del titolare o responsabile acquisti, email personale, e se si riesce anche il cellulare in modo da poter contattarlo direttamente saltando gli eventuali filtri della segreteria aziendale

3. Con i dati ottenuti dalle visite/telefonate costruisci giornalmente il tuo DB di Marketing contenente i potenziali Clienti. In particolar modo prepara la lista di distribuzione elettronica (Mailing list ) con tutte le email recuperate con le visite a freddo

4. Invia con costanza un email di presentazione dopo ogni visita/telefonata che richiami la tua recente visita presso l’azienda, nella quale chiedi di visitare il tuo sito per approfondire i motivi per cui la tua collaborazione porterà dei vantaggi al tuo interlocutore.

Questo diverso processo alle visite a “freddo” permetterà ad ogni Account Manager non solo di cominciare a ricevere richieste di contatto dal proprio sito, ma soprattutto permetterà di trasformare interlocutori “freddi” in almeno potenziali Clienti “tiepidi”, che già ci ha in un qualche modo conosciuto. Una potenziale vendita è influenzata dal concetto di familiarità che una tale strategia aiuta a realizzare.

Per un approccio invece realmente innovativo alle visite “a freddo” ed alternativo al telemarketing “a freddo” si visiti il sito Vendite 2.0

E voi che tecnica “di sfondamento utilizzate?

Che strategia pensate possa portare più risultati?

Come far crescere il tuo brand, ora!

Fare branding è il processo attraverso il quale un’azienda, o un individuo, creano un immagine-marchio che si caratterizza in modo unico e riconoscibile sul mercato.

Il branding è un “retrogusto emozionale”, cioè quello che rimane in noi dopo essere stati esposti ad un marchio o a una persona.

Ecco alcuni semplici spunti su come creare un brand forte.

1. Ricerca ed analisi

Qual è la vostra concorrenza? La conoscete davvero? Rafforzare la conoscenza del vostro settore e quella sui prodotti e servizi più competitivi nel vostro mercato. Leggete libri sul branding. Prendetevi il tempo per riflettere  sul posizionamento del vostro marchio ed eventualmente valutate un riposizionamento nel caso non si differenzi in modo chiaro dalla concorrenza.

2. sfruttate  strumenti free a basso costo

Online ci sono molti strumenti che dovreste prendere in considerazione per supportare la vostra  strategia di branding. Strumenti di networking sociale come LinkedIn, Twitter, Facebook, Delicious e altri per promuovere i vostri prodotti e servizi. Utilizzate un blog o un commentate altri blog in modo da costruirvi la vostra rete sociale.  Supportate la crescita della vostra rete con incontri di persona o per telefono.

3.  Lavorate per priorità

Considerate le vostre esigenze e classificatele in essenziali, non essenziali e  potenziali. Concentrare gli sforzi sui bisogni essenziali e sulle restanti  quando possibile.

4. Costruite relazioni

Creare una lista dei vostri Clienti o potenziali Clienti arricchendola di informazioni strategiche di marketing come il settore  industriale, i loro interessi, ecc. Quando vi capiterà di imbattervi in articoli o informazioni pertinenti inviatele al contatto appropriato. Non sottovalutate la potenza di aiutare qualcuno.  Ricorderà sicuramente il tuo brand e sarà disposto a parlarne bene.

5. Co-brand

Consultate collaboratori, imprenditori colleghi, o altri persone che potrebbero essere interessati a operazioni di co-branding con la vostra organizzazione. Discutete con loro come  contribuire a rafforzare le vostre imprese. Fare co-marketing vi permetterà di dimezzare i costi.

In sintesi sviluppate un‘idea forte di marca ed una strategia chiara. Quando si tratta di far crescere la vostra marca ricordate che vi sono modi economici per farlo. L’importante è essere creativi e tenersi informati. L’importante è penetrare il lato emozionale di chi ci vede o ascolta. L’ emozione attiva il cervello tremila volte più velocemente del pensiero ordinario.

Emozionate!

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: